Oggi Vi presento un profumo , un pò distante dai miei gusti ma che mi ha catturato per la sua particolarità olfattiva, Lui è African Leather di Memo Paris. Tre Note chiave si percepiscono appena lo si sente CUOIO - CARDAMOMO-GERANIO una piramide olfattiva ricca di spezie e note predatrici come l'Oud , la cui traccia animalica è affascinante come il manto di una giraffa o di un leopardo, è maestosa come la criniera di un Leone , è pericolosa come i denti di un coccodrillo. Una Fragranza concepita come un safari  da ammirare e osservare, per cui la sola cattura prevista è quella olfattiva. Note di testa: olio di bergamotto, olio di cardamomo, olio di zafferano Note di cuore: assoluta di geranio, olio di cumino, essenza di vetiver 

Note di fondo: accordo di cuoio, oud, patchouli, muschio. Pelle.

Non tutti, infatti, sanno che la storia della profumeria trova le sue radici nella storia della pelletteria. Dobbiamo tornare al XVII secolo quando la ricca e fiorente produzione di guanti portò alla necessità di alleviare l’odore forte e per alcuni aggressivo della pelle con profumazioni di mandorla dolce, fiori d’arancio, ambra grigia, rosmarino e zibetto. Nacque così il titolo di Mastro Guantaio e Profumiere e presto, a causa degli elevati costi della pelle, la produzione di profumi si fece più fiorente della lavorazione delle pelli. Liberatasi dalla sua dipendenza dalla pelletteria, la profumeria diventa un’arte a sé stante. Di quel legame rimane il cuoio come famiglia olfattiva tra le più importanti, a cui Memo Paris ha voluto dedicare un’intera collezione, dando così la possibilità di scoprire le tante sfumature del cuoio. Da Irish Leather, intenso cuoiato verde, a Italian Leather, delizioso cuoio latino, seguito da French Leather, che ricorda l’abito in pelle di una parigina. Un profumo perfetto da indossare in questo periodo. Vi invito tutti a scoprirlo presso le nostre Boutique !

Recensione di Antonietta Apparente